Hai visto? Viaggio in Sud Africa: la meta delle mete

Come è ben risaputo uno dei momenti più belli da vivere è sicuramente quello delle nozze, ritenuto come obiettivo, praticamente fondamentale, da tutti gli esseri umani da che vengono al mondo. In questo ambito, ovviamente, rientra l’organizzazione della luna di miele: negli ultimi anni, per chi non lo sapesse, l’organizzazione di un viaggio di nozze in Sud Africa è divenuto quasi d’obbligo e per questo vi rimandiamo alle attenzioni di Travel Design. I motivi che spingono ad optare per questa meta sono veramente tanti e se decidessimo di elencarli in modo analitico non ce ne usciremmo più. Cultura, tradizione, natura, flora e fauna: tutte meraviglie che nel ‘vecchio’ continente stanno venendo un po’ meno con il passare degli anni ma che sul territorio africano sembrano non essere affatto ‘colpite’ dal trascorrere del tempo.
L’unico vero ‘problema’ nello scegliere la meta sudafricana risiede nella tempistica o per meglio dire nei tempi necessari per raggiungerla: se infatti ipotizziamo un viaggio di dodici giorni almeno due li impegneremmo solo per raggiungere la meta stessa.

Cosa vedere: Cape Town o Johannesburg

Le due più grandi città del Sud Africa, che ovviamente hanno al loro interno le principali mete da visitare, sono Cape Town e Johannesburg. Proprio la seconda è lo scalo obbligatorio per andare a visitare il Kruger National Park, ovvero il parco più famoso dell’intero continente africano, all’interno del quale si possono trovare i big five.
Cape Town, invece, è l’altra metropoli che rispetto alla ‘rivale’ a livello strutturale risulta essere nettamente più bella. Qui è possibile visitare le wineland, il Garden Route e Port Elisabeth.
Detto questo va sfatato, giustamente un tabù. In molti pensano che l’intero continente africano debba essere visitato soprattutto d’estate ma in realtà non c’è nulla di più sbagliato: il principale, e quindi consigliato, periodo per un viaggio è quello invernale dove le temperature sono gradevoli con ovvie possibilità di andare in spiaggia per fare un bagno fuori stagione.

Come muoversi in Sudafrica

Nota dolente di un viaggio in Sudafrica è quello inerente al trasporto pubblico sul quale non bisogna fare troppo affidamento: le linee ferroviarie sono poche e malridotte così come risultano essere gli autobus. Le varie città sono collegate tra loro con voli low-cost e la metodologia migliore per spostarsi è quella di usufruire dei taxi minibus che si muovono costantemente anche se le tratte sono un po’ difficili da identificare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *