Risparmiare sui viaggi e sulle vacanze si rivela fondamentale per la riuscita di una vacanza o di un qualsiasi spostamento. Ecco alcuni accorgimenti. Trattando di viaggi e di risparmio viene subito da pensare a stupende isole esotiche, raggiungibili rapidamente e con esborsi minimi. Spesso la fantasia si spinge oltre la realtà, ma a volte può avverarsi, o quasi. Hai visto? Viaggiare risparmiando: come risparmiare sui viaggi

Come risparmiare sui viaggi?

Nella prima parte di questo articolo vengono elencati oltre quaranta tipi di viaggi economici, che spaziano dal semplice autostop allo snobistico turismo fluviale, dalla spartana navigazione a bordo di un cargo al mistico pellegrinaggio nei luoghi sacri. Nella seconda parte si tratta della scelta dei mezzi di trasporto dai costi più abbordabili e della loro manutenzione senza sprechi, della selezione dell’assicurazione contenendo le spese, alla ricerca dei carburanti dai prezzi più competitivi, nonché di come prolungare la vita degli pneumatici e così via. Se il primo settore sopra considerato è dedicato essenzialmente al turismo, cioè ai viaggi divertenti, distensivi o culturali, il secondo settore riguarda anche i viaggi di lavoro, che interessano un’ampia gamma di “nomadi”, comprendente agenti di commercio, dirigenti, commercianti, giornalisti e attività simili.

I viaggi economici, ecco come farli

Nella prima parte, nei post successivi, vengono elencati circa quaranta tipi di viaggi economici. Nella seconda parte abbondano i consigli pratici, così utili che vanno tenuti sempre presenti, soprattutto da parte di chi intenda recarsi all’estero con un budget limitato. Ma si approfondiscono anche ulteriori temi ugualmente importanti, come la necessità dell’assistenza medica, i furti, la non validità del bancomat nel Paese prescelto e molti altri imprevisti. Vengono infine considerati, oltre ai viaggi in aereo e in treno, sempre con gli accorgimenti fow cost, quelli in moto e in automobile.

Di quest’ultima si prendono in esame il noleggio, la scelta del carburante più economico, la guida più morigerata, per finire con la più ecologica: l’auto elettrica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *