Come noto, l’emergenza da Covid-19 (coronavirus) ha limitato gli spostamenti degli italiani all’estero. Dunque, se si vuole partire in sicurezza, pur in queste condizioni di incertezza sull’evoluzione della pandemia, è bene cercare di prendere in mano la mappa del globo e cancellare dalle proprie destinazioni potenziali tutti quei Paesi che potrebbero rappresentare un potenziale rischio per se stessi e i propri cari.

La salute – è il caso di ricordarlo, anche in questa occasione – non può che essere posta al centro delle proprie attenzioni, soprattutto quando si tratta di vacanze.

Hai visto? Viaggi Agosto Settembre 2020: dove gli italiani possono andare (e dove no)

Viaggi in Italia

Per quanto concerne i viaggi in Italia a agosto e settembre 2020, al momento non esistono limitazioni. Pertanto, tutti i cittadini italiani possono spostarsi liberamente in ogni regione italiana, salvo che alcune aree non vengano interdette a causa della quarantena.

Leggi anche: Coronavirus, danni al turismo romano

Viaggi all’estero

Per quanto attiene i viaggi all’estero, sono state introdotte 6 fasce, con diversi tipi di limitazioni:

Fascia A – San Marino e Città del Vaticano

Non c’è alcuna limitazione.

Fascia B – PAESI UE (tranne Croazia, Grecia, Malta, Spagna; Romania e Bulgaria,), Area SCHENGEN, Regno Unito e Irlanda del Nord, Andorra, Principato di Monaco.

In questi Paesi sono consentiti i movimenti senza necessità di motivazione, senza obbligo di isolamento al rientro (tranne Romania e Bulgaria).

Si noti che per Croazia, Grecia, Malta e Spagna il Ministro della Salute ha stabilito che coloro che entrano/rientrano in Italia da questi Paesi debbano:

presentare un’attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;

in alternativa, sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine (ove possibile) o entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento.

Fascia C – Bulgaria e Romania

Sono consentiti gli spostamenti per qualsiasi ragione da/per questi Paesi. Tuttavia, al rientro in Italia è necessario sottoporsi all’isolamento fiduciario e alla sorveglianza sanitaria, compilando poi un’autodichiarazione. Si può raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato.

Fascia D – Australia, Canada, Georgia, Giappone, Nuova Zelanda, Ruanda, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia, Uruguay

Sono permessi gli spostamenti da/per questi Paesi senza necessità di motivazione. Tuttavia, al rientro in Italia, è necessario sottoporsi ad isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria, compilare un’autodichiarazione e raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato.

Fascia E – Resto del mondo

Gli spostamenti da/per il resto del mondo sono consentiti solo in presenza di precise motivazioni (lavoro, motivi di salute o di studio, urgenza, ecc.). Di contro, NON sono quindi consentiti gli spostamenti per turismo.

Fascia F – Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana

Vige il divieto di ingresso per chi nei 14 giorni precedenti è transitato da questi Paesi, con l’eccezione dei cittadini UE (inclusi i cittadini italiani) e loro familiari che abbiano la residenza anagrafica in Italia da prima del 9 luglio 2020.

Hai visto? Viaggi Agosto Settembre 2020: dove gli italiani possono andare (e dove no)

Considerata l’evoluzione del tema, consigliamo a tutti coloro i quali avessero in mente di partire per la parte finale dell’estate 2020 di consultare sempre le indicazioni ministeriali aggiornate sul sito viaggiaresicuri.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *