La Route Napoléon arriva a noi direttamente dal 1815 per l’esattezza dal 1 marzo, giorno e anno in cui Napoleone dopo un anno di esilio a seguito della disfatta di Waterloo, fa ritorno dall’Isola d’Elba sulla spiaggia di Golfe-Juan accompagnato da 1.200 uomini, pronti ad arrivare a Parigi per riportare l’imperatore sul trono francese.

Sarà proprio da questa spiaggia che avrà inizio una vera e propria epopea durata sei giorni, per un totale di 324 km e che si concluse nella cittadina di Grenoble.

Hai visto? Route Napoléon: Itinerario e storia

Itinerario Route Napoléon

La Route Napoléon (ribattezzata ufficialmente così nel 1932), segue del tutto fedelmente il percorso Napoleonico, segnato interamente da statue che raffigurano l’aquila imperiale francese.

L’Itinerario attraversa due regioni: Rodano-Alpi e Provenza-Alpi-Costa Azzurra e quattro dipartimenti: Alpi di Alta Provenza, Hautes-Alpes, Alpi Marittime e Isère.

Le tappe dell’Itinerario

L’Itinerario è composto da differenti tappe che portano il turista a scoprire zone più “selvagge” e meno convenzionali fancesi.

1. Il punto di partenza è Vallauris Golfe-Juan dove ogni inizio di marzo si rappresenta una una ricostruzione dello sbarco. Proseguendo, la strada si allontana dal mare (da Cannes a Grasse) e attraversa una serie di villaggi dalle caratteristiche tipicamente provenzali.

2. Continuando da Castellane a Gap l’altitudine del percorso inizia ad aumentare. In questo tratto della Route Napoléon si potrà ammirare ed entrare in contatto con la Provenza più selvaggia e meno conosciuta.

3. Infine l’ultimo tratto che va da Gap a Grenoble attraversando le Alpi. Il villaggio più simbolico è quello di Laffrey luogo in cui l’Imperatore farà passare tra le sue schiere l’armata reale che aveva il compito di catturarlo.

Consigli

La Route Napoléon si può percorrere in tre modi: in moto, in auto, oppure a piedi attraverso il nuovo itinerario chiamato “Les Randonnées de la Route Napoleon”, il quale oltre alla segnaletica mette a disposizione una guida topografica che illustra tutto il tragitto da Grasse e Sisteron.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *