Riserva naturale Tor Caldara: cosa visitare e come raggiungerla

Il passato della costa laziale, un tempo caratterizzata da una lussureggiante macchia mediterranea, è rimasto racchiuso in un lembo di terra di circa 44 ettari, che spezza l’ormai dilagante cementificazione. Stiamo parlando della riserva naturale Tor Caldara, una piccola oasi di querce sempreverdi, sugheri e di sorgenti sulfuree.

Lazio nascosto: Tor Caldara

Tor Caldara possiede oggi un importante valore documentario, infatti, è uno dei piccoli fazzoletti di terra che ospita i residui della macchia mediterranea con le sue 280 specie vegetali, tra le quali la rara Felce Florinda, uno dei più importanti tesori botanici della riserva.

Tor Caldara ospita un’altra importante testimonianza storica: i resti delle cave dalle quali un tempo veniva estratto lo zolfo, in alcune zone è possibile ancora osservare l’acqua sulfurea che affiora dal terreno.

La riserva naturale prende il nome dalla Torre delle Caldane, fatta costruire da Marcantonio Colonna per avvistare eventuali incursioni dei pirati saraceni, all’epoca molto frequenti.

Essendo una piccola area di 44 ettari, il percorso è molto breve (circa due ore) adatto anche ai più piccoli, grazie al terreno per lo più pianeggiante.

Tor Caldara: come arrivarci e orari di apertura

La riserva naturale di Tor Caldara si trova tra Anzio e Lavinio ed è raggiungibile sia con i mezzi pubblici che con la propria auto.

  • In Autobus: dalla stazione ferroviaria di Anzio sono disponibili gli autobus della società regionale Cotral.
  • In Automobile: percorrere la Cristoforo Colombo fino ad arrivare ad Ostia, dopodiché proseguire sulla litoranea Ostia-Anzio, oppure uscendo ad Aprilia si può prendere la via Pontina da Roma Eur. Proseguendo sulla via Nettunese al bivio per Villa Claudia, imboccare la litoranea Ostia-Anzio in direzione Roma.

Tor Caldara è aperta al pubblico nei giorni: giovedì, sabato e domenica dalle ore 09:00 fino alle 19:00. L’orario di chiusura è differenziato in base alla stagione di visita, per avere informazioni più complete è disponibile il sito ufficiale: ParchiLazio.

Che ne pensi?