Prima di partire per un viaggio quali vaccinazioni bisogna fare

Prima di avventurarsi in un viaggio, è sempre opportuno informarsi per capire se sia necessario o meno intraprendere un piano di vaccinazione personale, inoltre in alcuni paesi è richiesto l’obbligo di vaccinazione, con tanto di certificato che ne attesti l’avvenuta profilassi. Il Ministero della Salute ha messo a disposizione una guida alle vaccinazioni nel mondo, soprattutto per proteggere i turisti italiani contro la febbre gialla e la malaria, due tra le malattie più contagiose e mortali che continuano a persistere in alcune aree del globo.

Vaccini obbligatori e facoltativi

Per l’ingresso in alcuni paesi è richiesta obbligatoriamente la vaccinazione contro la febbre gialla, mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità -OMS- ne raccomanda alcuni come forma specifica preventiva o altre consigliate solo per situazioni particolari oppure in base alla tipologia dei viaggiatori.

Malattie infettive più comuni e relativi vaccini

Come poco fa indicato, il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è uno dei requisiti fondamentali per poter entrare in alcuni paesi che nello specifico sono: Angola, Benin, Burundi, Camerun, Congo, Costa d’Avorio, Gabon, Ghana, Guinea Bissau, Liberia, Mali, Niger, Repubblica Centroafricana, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda e la Guyana Francese in America.

  • Per il Colera il certificato di vaccinazione non viene richiesto da nessun paese come condizione d’ingresso, tuttavia è vivamente consigliato farlo.
  • Nel 1980 l’OMS ha certificato la completa e definitiva eliminazione del Vaiolo, pertanto la vaccinazione non è raccomandata per i turisti.
  • La Malaria è ancora presente in alcuni paesi del mondo, in base alla meta turistica prescelta, è bene consultare tutti i dati forniti dalla Guida alle Vaccinazioni e profilassi antimalarica tramite il sito del Ministero della Salute, nel quale vengono indicati alcuni valori, quali ad esempio: rischio di contrarre la malattia, presenza dei parassiti che trasmettono il virus e il livello di diffusione, in modo da valutare se sia o meno importante vaccinarsi.

Che ne pensi?