Ottenere un rimborso per il ritardo del treno: ecco come

La vita dei pendolari non è affatto facile, i ritardi creano spesso enormi disagi come ad esempio la perdita della propria giornata lavorativa.

I viaggiatori devono essere a conoscenza dei propri diritti e devono essere in grado di fronteggiare simili emergenze.

Hai visto? Ottenere un rimborso per il ritardo del treno: ecco come

Quando è possibile ottenere il rimborso

Il rimborso del ritardo del treno dipende da due fattori: se il treno viene soppresso o se si verifica un ritardo in partenza superiore a 60 minuti, il risarcimento è basato sulla durata del ritardo.

L’ indennità è valida per tutti i tipi di treni, per i treni delle Frecce: Frecciarossa, Frecciabianca, Frecciargento si può chiedere un rimborso del 25% quando il treno effettua un ritardo pari o superiore a 30 minuti fino ad un massimo di 119 minuti.

Dal 1 marzo 2015 per i treni delle Frecce vige la nuova soglia, prima la soglia di ingresso era di 60 minuti.

Se il ritardo è pari o superiore a 120 minuti si può chiedere il rimborso del 50% del biglietto, questa tipologia di soluzione è valida per tutti i treni (incluse le Frecce).

Se invece il treno è stato soppresso, è possibile ottenere presso tutte le biglietterie un rimborso integrale del biglietto anche nel caso in cui sia stato già convalidato.

Leggi anche: Quando conviene andare in treno

I casi nei quali non è possibile ottenere il rimborso

Non sempre è possibile chiedere il risarcimento del biglietto, vediamo quali sono i casi in cui non è possibile godere dell’indennità:

  • se al momento dell’acquisto del biglietto il treno porta già il ritardo
  • se il ritardo è dovuto da scioperi o lavori programmati di cui è stata data comunicazione
  • in caso di eventi naturali catastrofici o eventi dovuti a terzi (classico il caso del suicidio sui binari)
  • per i biglietti gratuiti
  • per i biglietti il cui importo è uguale o inferiore a 4 euro

Come ottenere il rimborso in caso di biglietteria chiusa o assente

Se la biglietteria è chiusa, occorre fare una richiesta speciale: la richiesta deve essere fatta in forma scritta alla Direzione Regionale competente allegando l’originale del biglietto, occorre scaricare l’apposito modulo da inviare alla Direzione Regionale di competenza.

Qualora non sia possibile effettuare la richiesta speciale, ci sono varie strade: rivolgersi all’ agenzia di viaggio che ha emesso il biglietto, rivolgersi al call center di Trenitalia.

Entro quando ottenere il rimborso

Sul sito di Trenitalia c’ è scritto che il rimborso può essere richiesto decorse 24 ore dall’ effettuazione del viaggio e fino a dodici mesi successivi alla data in cui si è verificato il ritardo o dalla scadenza dell’abbonamento.