Le gite primaverili sono oramai alle porte. E, con esse, allergia, asma raffreddore non mancano mai. Nonostante le pessime condizioni meteo invernali abbiano negativamente influenzato la nostra voglia di weekend e di spazi all’aperto nella natura, siamo ormai in piena primavera, periodo in cui ci troveremo davanti a scampagnate, grigliate all’aperto, weekend fuori porta.

Hai visto? Gite primaverili, occhio alle allergie e ai raffreddori
Le graminacee, responsabili di molte allergie

La primavera, tuttavia, porta con se problemi alle vie respitatorie, causati da allergie a pollini e fioriture, nonché eventualmente a raffreddori, dovuti alle condizioni climatiche non sempre così favorevoli per stare all’aria aperta. Pollini e graminacee sono, per molti, fastidiosi pericoli impossibili da ignorare.

Prevenire le allergie nelle gite di primavera

Per poter prendere le dovute precauzioni nei momenti all’aria aperta, è necessario seguire alcune norme dettate dal regolare buonsenso: evitare le aree al rischio, viaggiare in auto con finestrini e bocchette di areazione chiuse (o quantomeno verificare periodicamente eventuali filtri antipolline).

E’ preferibile cambiare i vestiti utilizzati all’aperto una volta rientrati a casa o evitare che gli animali domestici possano introdurre in abitazione eventuali pollini, Ricordiamo che le giornate più a rischio sono sempre quelle secche e ventilate.

I farmaci antistaminici e decogestionanti, presi dietro prescrizione medica, sono generalmente efficaci al nostro scopo. Per la nostra gita, non dimentichiamoci anche di portare fazzolettini usa e gettaocchiali da sole.

Per il raffreddore

Spesso con congestioni e naso che cola, è difficile distinguere allergie da comuni raffreddori. E’ preferibile consultare il medico curante o il farmacista, ed evitare di sudare.

Dai  campi ai…boschi

Le aree boschive, a differenza dei campi, sicuramente sono meno a rischio e sono preferibili, per gli allergici, per una passeggiata primaverile… a contatto con la natura.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *