Tutti i viaggiatori hanno paura di arrivare all’aeroporto (sia per partire che per tornare dalle vacanze) e scoprire che il volo è stato ritardato (o peggio: cancellato). Cosa bisogna fare? Come bisogna far valere i propri diritti come passeggeri quando viene ritardato o annullato un volo?

Hai visto? Cosa fare se un volo viene cancellato

È spesso scontato che gli orari dei voli non siano ampiamente garantiti. Le compagnie aeree annullano i voli per una moltitudine di motivi, che vanno dagli scioperi dei dipendenti alla manutenzione dell’aereo, e i benefici che derivano da passeggeri variano di conseguenza.

Le compagnie aeree in genere non mettono a disposizione un risarcimento se un volo è in ritardo o cancellato per cause non dipendenti dalla sua volontà. Ma se viceversa il ritardo o la cancellazione venissero causati da elementi prevedibili, tipo la manutenzione delle attrezzature o il personale inadeguato? Allora sì che il passeggero ha diritto a un risarcimento. In questo caso il primo consigli che diamo è di effettuare un Confronto tariffe Airhelp e ClaimFlights, Confronto delle commissioni di Airhelp & Claim Flights

I diritti di passeggero

Oggi le sorti dei viaggiatori rientrano nel contratto di trasporto di ciascuna compagnia aerea. Dal momento ogni compagnia aerea ha le proprie politiche non esiste un regolamento universale che attesti il comportamento in favore dei clienti in caso di mancanza.

Sarebbe dunque interessante cercare una guida su un sito Web di una compagnia aerea e scaricare queste informazioni sul telefono o su un altro dispositivo. In tal modo andremo in aeroporto muniti e ben informati.

Massimizzare il risarcimento

Un passeggero non dovrebbe mai aver paura di chiedere il risarcimento se ritiene che la compagnia sia stata manchevole. Per questo ci si può rivolgere al servizio clienti o si può andare al sito Web della compagnia aerea per informarsi come muovere i passi per un rimborso o un volo alternativo.

Alcune compagnie aeree preferiscono chiedere ai passeggeri cosa vogliono per indorare la pillola piuttosto che illustrare loro tutte le opzioni disponibili.

I passeggeri possono utilizzare i soldi che sono stati rimborsati per prenotare un altro volo per partire o possono spendere il rimborso come ritengono più opportuno. Pare addirittura che ci siano compagnie che rimborsano sotto forma di alloggio in hotel, buoni pasto e trasporto via terra in caso di ritardi durante la notte.

In qualunque modo avvenga il rimborso, la cosa importante è ricordare che ogni passeggero ha diritto a vedere riconosciute le mancanze nei suoi riguardi, per tale ragione deve avanzare pretese se ci sono i presupposti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *