Hai visto? Come funziona il Duty Free

E’ successo a tutti di fare acquisti nei negozi in aeroporto, magari proprio prima di partire per un lungo viaggio (capita spesso di dimenticare qualcosa e di ricordarsene giusto in tempo). Oppure di fermarsi nei punti vendita in aeroporto per comprare i souvenir della vacanza da regalare agli amici e parenti una volta tornati a casa. Il fatto che negli aeroporti vi siano negozi di ogni tipo è sicuramente un vantaggio per il viaggiatore, dato che può servirsene per vari scopi. Ma a questo se ne aggiunge un altro assolutamente non trascurabile. I punti vendita presenti negli aeroporti sono “duty free” e quindi offrono ai clienti prezzi più convenienti rispetto agli altri. Vediamo perché.

Duty Free e acquisti tax- free

Letteralmente “duty free” significa “esente dal dovuto” (ossia le tasse). Il termine è utilizzato fin dal 1600, per indicare appunto un sistema in cui, per qualsiasi ragione, non era previsto il pagamento di alcune tasse. Oggi si parla di “duty free” per indicare una particolare modalità di acquisto, per cui tutto ciò che è venduto all’interno dei negozi presenti in aeroporto (accessori, abbigliamento, generi alimentari, ed anche bevande alcoliche e tabacchi) è tax free, ossia esente da costi di distribuzione e dazi doganali. Il duty free è un sistema che permette di ottenere un cospicuo risparmio sugli acquisti effettuati, anche più del 30% rispetto a tutti gli altri punti vendita dislocati altrove.

 

Come fare per usufruire di tali vantaggi? Basta esibire il documento di imbarco al momento dell’acquisto. I prodotti tax free possono essere di due tipi: quelli per cui è prevista l’esenzione a carico del negoziante e quelli per cui il rimborso dell’IVA avviene al momento del viaggio (quest’ultima modalità è abbastanza frequente per i viaggi internazionali, mentre l’esenzione si applica ai viaggiatori che si muovono all’interno dell’Unione Europea). Conviene approfittare del sistema duty free per acquistare in particolare beni di lusso, profumi, tabacchi e bevande alcoliche. Ovviamente, però, i duty aeroportuali sono diversi da Paese e Paese, quindi anche i prezzi dei prodotti divergono a seconda del Paese in cui ci si trova. Di conseguenza, può essere utile verificare prima online il prezzo di alcuni prodotti e poi eventualmente procedere all’acquisto nei punti duty free.

Acquisti nei duty free: conviene davvero?

Alcune recente indagini hanno evidenziato come effettivamente il risparmio nei duty free sia una chimera irrealizzabile per l’ignaro viaggiatore, convinto invece di portare a casa oggetti e accessori ad un prezzo imperdibile. Succede infatti che la tanto osannata riduzione dell’Iva sia in realtà fittizia, perché applicata su un prezzo di partenza decisamente più alto rispetto a quello che si trova negli altri negozi locali. Nonostante tutto, lo shopping che avviene nei duty free smuove un business incredibile, per una serie di motivi: acquistare in questi negozi consente ai viaggiatori di spendere ciò che resta della moneta del luogo, è possibile comprare bevande senza necessità di imbarcare la valigia, si trovano oggetti che in Italia non esistono o sono troppo costosi (quindi più originali da regalare ad amici e parenti). Per saperne di più sul duty free e sulla Tax Free in generale vai su https://haivisto.com/cos-funziona-tax-free-3130/

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *